0

Come pulire un vaporizzatore dopo il suo utilizzo - La guida passo per passo

Pubblicato su: Nov 09, 2018

I vaporizzatori sono dispositivi che riscaldano le erbe essiccate (o oli, a seconda del modello) generando una nube di vapore aromatizzata, perché porta con sé tutti i principi contenuti nella materia.

Piano piano stanno diventando sempre più diffusi anche in Italia, esistono diversi modelli, più o meno semplici da usare, più o meno ingombranti, più o meno performanti e hanno tutti una cosa in comune: necessitano di manutenzione.

Come vedremo in questa guida passo per passo, step by step, la pulizia non è un’operazione difficile ed è necessaria per far sì che il dispositivo duri a lungo e che le sessioni siano sempre piacevoli e gustose. Come accennato, esistono diversi tipi di vaporizzatori e la procedura per la pulizia potrebbe differire in base al modello, meglio quindi leggere le istruzioni o fare una ricerca online prima di procedere.

Pax 3 Vaporizzatore

Strumenti di pulizia utili

È molto probabile che i residui di erba, ed eventuale polvere, possano accumularsi nella camera e nel bocchino del vostro vaporizzatore portatile. Oltre ad alterare il sapore e l’intensità del vapore, a lungo andare potrebbero anche iniziare a crescere dei batteri ed è per questo che bisogna ricordarsi di pulire il vaporizzatore dopo ogni seduta. Probabilmente, nella confezione del vostro dispositivo è presente anche un pennellino a setole morbide, che dovrebbe aiutarvi a rimuovere i residui di erba oppure uno scovolino.

Inoltre, potranno esservi utili anche oggetti che sicuramente avrete in casa, come un batuffolo di cotone, un panno di cotone, uno stuzzicadenti, una spilla. Una bomboletta d’aria, del detergente dedicato e dell’alcool isopropilico (più avanti vi diremo come usarlo) potranno esservi preziosi. Infine, ricordate che non tutti i componenti possono essere immersi in acqua, poiché contengono parti elettriche. E adesso, arriviamo al dunque.

Attendere che il vaporizzatore si sia raffreddato

Prima di iniziare a pulire il dispositivo, aspettate che si sia totalmente raffreddato. In linea di massima, vi consigliamo di aspettare un’oretta, perché la camera di riscaldamento può diventare molto calda e bruciarvi le dita.

2. Smontare i pezzi

Smontate il vaporizzatore nelle sue componenti. Per evitare di perdere qualche pezzo, l’ideale sarebbe posizionarli su un asciugamano poiché su un piano liscio potrebbero scivolare per terra con più facilità.

3. Rimuovere l’erba e lo sporco

Utilizzando uno spazzolino dalle setole morbide (come accennato, dovreste trovarla nella confezione del vostro vape) rimuovete gentilmente eventuali detriti dalla camera di riscaldamento. Tutto quello che dovete fare è inserire lo scovolino nella camera, girarlo per raccogliere i detriti e portarli fuori da questo componente. Per rendervi il lavoro più semplice, potreste usare la bomboletta d’aria, come quelle che si usano per pulire le tastiere del pc. Se si utilizza anche un detergente per vaporizzatori, immergete un batuffolo di cotone nel liquido (o un cotton fioc) e disinfettate la camera. A tal proposito, vi segnaliamo che è possibile acquistare degli appositi cotton fioc già imbevuti di detergente.

Per i vaporizzatori come Mighty basta rimuovere la parte superiore, pulire la camera come spiegato e accendere il vaporizzatore, affinché eventuali residui di alcol possano evaporare.

Davinci IQ Vaporizzatore

4. Pulire i filtri

Usate una spilla o uno stuzzicadenti per pulire il filtri, ad esempio come nel caso di vaporizzatori come Mighty. Inoltre, potreste pensare anche di disinfettare questo componente, utilizzando dell’alcool isopropilico applicato su un panno di cotone.

5. Pulire il bocchino

E adesso è la volta della pulizia del bocchino, una parte molto delicata che va decisamente disinfettata con cautela, soprattutto quando si ripone il vaporizzatore portatile in un astuccio ma, anzi, viene buttato nello zaino o nella borsa con tanti altri oggetti.

6. Asciugatura

E adesso lasciate che tutti i pezzi si asciughino all’aria, prima di rimontare il vaporizzatore. In questo modo eviterete che l’umidità giochi un brutto scherzo, arrivando a danneggiare anche le parti elettroniche del dispositivo.

Finita questa fase, siete pronti per svapare, vedrete che il vapore avrà tutto un altro sapore!

Questa che vi abbiamo raccontato passo per passo è una pulizia di base, da effettuare a seconda delle vostre esigenze e del tipo di erba utilizzata. È però importante ricordare di svuotare sempre la camera e se siete abituati a svapare in gruppo usando un solo bocchino, ricordate di igienizzarlo dopo ogni sessione.

Ciclicamente, sarebbe importante fare una pulizia accurata delle diverse parti del vaporizzatore, per far sì che anche un prodotto di qualità come Mighty sia duraturo nel tempo e mantenga prestazione elevate.

Vediamo insieme velocemente come effettuare questa procedura, gli strumenti da utilizzare sono gli stessi che abbiamo già incontrato: alcool isopropilico, cotton fioc, un barattolo o una ciotola.

Riempire un contenitore con l’alcool

Prendete un barattolo con tappo, oppure una ciotola o altro contenitore, e riempitelo con l’alcol isopropilico, ovvero l’alcol bianco o, in alternativa, potreste utilizzare anche quello adatto alla preparazione di liquori in casa.

2. Separare le diverse parti

Separate le diverse parti del vostro Mighty, ovvero quelle che possono essere inserite nel liquido: sollevate il coperchio, quindi estraete la cannuccia, e togliete l’anello blu. Togliete anche il blocco del coperchio, facendo un po’ di pressione sui lati vedrete che verrà via facilmente.

Adesso sfilate la parte inferiore del coperchio e aiutandovi con un accessorio arancione che troverete alla base del vostro Mighty, togliete gli anelli blu e il filtro.

3. Ammollo

Adesso prendete queste parti, ad eccezione del blocco del coperchio, e mettetele in ammollo per al massimo un’ora. Intanto, pulite la camera con un cotton fioc imbevuto di detergente e sostituite il filtro al suo interno.

4. Lavare le parti

Trascorsa l’ora prendete i componenti del vostro Mighty, tamponateli delicatamente con un asciugamano in modo da rimuovere eventuali residui, e lavateli sotto acqua corrente calda, così da togliere ogni traccia di alcool.

5. Asciugatura

Asciugate le parti con un asciugamano e lasciatele ancora un po’ all’aria, così da evitare qualsiasi residuo di umidità.

6. Montaggio

Adesso siete pronti per assemblare nuovamente il vostro vaporizzatore, semplicemente ripetendo l’ordine inverso delle operazioni che vi abbiamo descritto.

7. Accendere il dispositivo

Nonostante se i vari componenti siano stati lavati sotto acqua corrente, è bene effettuare un ciclo di combustione a vuoto. Accendete il dispositivo e portatelo alla massima potenza, quindi lasciatelo lavorare per qualche minuto o fin quando l’odore di alcol non scompare totalmente (nel caso in cui dovesse comparire).

Spegnete il dispositivo, lasciatelo raffreddare ed ecco che siete pronti per utilizzarlo!

Buona svapata.


É stato aggiunto al carrello
Cassa